Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Alcuni di questi cookie sono utilizzati per realizzare le analisi delle viste, altri a gestire la pubblicità e altri ancora sono necessari per il corretto funzionamento del sito. Se si continua a navigare o si fa clic su "accettare", considereremo come accettato il loro utilizzo. È possibile ottenere ulteriori informazioni, o sapere come modificare le impostazioni, in Politica sui cookie?
Versión Española Versión Mexicana Ibercampus English Version Version fran├žaise Versione italiana

20/11/2017  
      in Ibercampus in  | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Contatti | Tariffe | Iscriversi | RSS RSS
Politica
Politiche di inclusione
Ricerca e sviluppo
Capitale umano
Economia
Cultura
Ambiente
Salute
SocietÓ
Sport
Dibattiti
Interviste
Educazione
Borse di studio
Lavoro e Formazione
America Latina
Tendenze
Le aziende ed i CSR
UniversitÓ
Chiamate
 Empresas y RSC
A2A
ANSALDO STS
ASSICURAZIONI GENERALI
ATLANTIA
AUTOGRILL
AZIMUT
BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA
BANCA POPOLARE DI MILANO
BANCO POPOLARE SOCIET└ COOPERATIVA
BULGARI
BUZZI UNICEM
CAMPARI
CNH INDUSTRIAL
DIASORIN
ENEL S.P.A.
ENI
EXOR
FIAT
FINMECCANICA
FONDIARIA-SAI
GTECH
IMPREGILO
INTESA SANPAOLO
LUXOTTICA
MEDIASET
MEDIOBANCA
MEDIOLANUM
PARMALAT
PIRELLI & C.
PRYSMIAN
SAIPEM
SNAM RETE GAS
STMICROELECTRONICS
TELECOM ITALIA
TENARIS
TERNA - RETE ELETTRICA NAZIONALE
TOD'S
UBI BANCA
UNICREDIT
 Universidades























SPORT
Il calcio nel sociale

Le maglie del Rayo Vallecano contro le discriminazioni

fonte: twitter.com/RVMOficial

Qualche giorno fa sono state presentate le nuove maglie del Rayo Vallecano per la stagione 2015-2016. In coerenza con la loro storia di squadra popolare, si caratterizzano per l┤impegno sociale contro le discriminazioni.
Francesco Vergendo 3 Luglio 2015 Condividi
Comparte esta noticia en TwitterComparte esta noticia en FacebookComparte esta noticia en TwitterAñadir a del.icio.usAñadir a YahooRSS
Quando si pensa alla Madrid calcistica, ci si immagina una dicotomia secca: Real o Atletico, blancos o colchoneros. In effetti l´albo d´oro dei vari trofei, nazionali ed internazionali, sembrerebbe confermare questa teoria. Ma esiste una terza squadra della capitale spagnola, il Rayo Vallecano de Madrid, rappresentante del quartiere madrileno di Vallecas, sobborgo popolare situato nella parte sud della città.

Il Rayo Vallecano nella sua storia non ha mai vinto nulla ed ha sempre fatto fatica a ritagliarsi un posto nella "Primera Division". La prima promozione risale alla stagione 1977-1978, promozione che fece nascere il mito dei "matagigantes", la squadra povera dei quartieri popolari in grado di giocarsela con le potenze del calcio spagnolo. Il suo apice sportivo risale alla stagione 2000-2001, in cui la squadra fu artefice di un´esaltante cavalcata in Coppa Uefa (grazie alla qualificazione ottenuta tramite la classifica fair-play), dove si arrese solo ai quarti di finale, eliminati dai connazionali dell´Alaves.

Il calcio però non è solo questo, il calcio è anche passione e legame con il proprio territorio, qualità che hanno contraddistinto la storia del club del "barrio" Vallecas. Legame che sfocia anche nell´impegno sociale, come nel caso della signora Carmen Martínez Ayuso. In seguito ad una garanzia posta sulla sua casa di proprietà, il creditore del figlio decise di rivalersi sull´immobile. Così, l´anziana signora (ottantacinquenne) si è ritrovata sfrattata, senza una casa. Chi fu tra i primi a mobilitarsi in sostegno della signora? La società Rayo Vallecano de Madrid, certamente. Questa propensione verso l´impegno sociale è stata confermata anche negli ultimi giorni, quando sono state esposte le nuove magliette per la stagione 2015-2016, griffate Kelme Sports. Dopo la classica prima divisa bianca, con la striscia diagonale rossa, il club ha deciso di utilizzare la seconda e la terza maglia per promuovere delle battaglie di solidarietà

La seconda maglia è nera con la striscia diagonale arcobaleno. Sei colori più la loro somma, che rappresentano sette cause, scopi di esistenza dell´associazionismo: il rosso per chi lotta contro il cancro, l’arancio per l’integrazione dei disabili; il giallo per chi non perde mai la speranza; il verde per chi difende l’ambiente; l’azzurro per chi protegge i minori dai maltrattamenti; il viola per chi si batte contro la violenza di genere. Infine l’arcobaleno nella sua totalità, contro le discriminazioni sessuali. Per ogni maglietta venduta, 7 euro verranno destinati proprio alle associazioni che trattano tali tematiche. Inoltre è stata presentata la terza maglia, grigia con la fascia diagonale rosa e un fiocco rosa sul petto, a sostegno della lotta contro il cancro.

Senza voler utilizzare quintalate di retorica, si tratta comunque di un bel gesto, a sostegno de "los héroes anònimos", gli eroi anonimi della società che lottano contro tutte queste problematiche e che molte volte sono gli stessi sostenitori dei club. Gesto in controtendenza rispetto ad un mondo calcistico sempre più esposto alle esigenze dell´economia di mercato, ma che a volte si ricorda di possedere ancora un´anima.

"Romario no está, aquí no hay capital,
pero nos da igual, ¡aquí hay calidad!
Y si no te gusta, pues te vas
porque chaval, chaval: esto es Vallekas."

(Ska-P -  Como un rayo)

 

Ultime da Sport
Pallavolo: Mondiali 2018 a Torino
Il Parma Calcio Ŕ ufficialmente fallito
Il britannico Bradley Wiggins ha stabilito il nuovo record dell┤ora
Qatar, mondiali a Natale
Follia Hoolingans nel centro di Roma
L┤addio di Riquelme
Conte indagato per frode sportiva
Coppa d┤Africa, arbitro fuori per 6 mesi
La guerra delle tv ai siti di streaming
Volontari ai giochi olimipici di Rio 2016? Aperte le candidature

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter
Inclusione Finanziaria
ParitÓ di trattamento tra pari
Carlos Trias
Vuoi un blog tutto tuo ed essere letto in tutte l'universitÓ?
Scoprilo qui
LIBRI
Da zero a uno: I segreti delle startup, ovvero come si costruisce il futuro
Ginella Tabacco, Poterti parlare ancora
Alfredo Corchado, Mezzanotte in Messico
Arthur Miller, "L┤equazione dell┤anima"
Gino Strada e Roberto Satolli, "Zona Rossa"
Piero Angela, "Tredici miliardi di anni"
TESI E DISSERTAZIONI
Note Legali | Politica sulla Privacy | Comitato di Redazione | Chi Siamo | Ideologia | Conttatare | Prezzi Annuncio | RSS RSS